Conoscete il SAKE? Fino a qualche giorno fa, per me era un liquore giapponese da servire dopo pranzo. Caldo, per giunta, e ad alta gradazione alcolica.

Provatelo anche voi…

 

Niente di più falso. Il sake è il vino del Giappone. Non è un distillato, ma un fermentato di riso, con una gradazione alcolica tra 12°e 16°. Il meglio di sé lo dà in abbinamento con i cibi. Oggi lo si beve non solo nelle tradizionali ciotoline in ceramica, ma nei bicchieri a tulipano, che ne esaltano gli aromi. Proprio come facciamo noi con un calice di bianco in mano.

A farmi cambiare idea sul Sake e a farmi venire voglia di Giappone è lo specialissimo invito di Open Mind, l’ufficio stampa torinese di Jnto, l’Ente nazionale del Turismo del Sol Levante (www.japan.travel) a partecipare a un incontro online sul Sake.

Botti di sake

Come non incuriosirsi? Dopo qualche giorno mi viene recapitato a casa un pacco contenente una bottiglia dall’etichetta indecifrabile e il libro “Sake, il Giappone in un bicchiere”, scritto da Marco Massarotto, esperto di comunicazione e unico italiano insignito del prestigioso titolo di Sake Samurai.

L’etichetta “indecifrabile” viene da una cultura lontana e con una lingua basata sugli ideogrammi. I tre segni a sinistra sono a forma di goccia che schizza, a significare la purezza dell’acqua, che lo compone, mentre quello di destra significa medicina, quindi bottiglia( vedi foto). “IL sakè è la miglior medicina”, conferma un proverbio.

Ideogramma di Sake

La storia si fa interessante.

La passione di Massarotto per il vino giapponese nasce per caso nel 2010, quando si trova in Giappone per lavoro e l’eruzione del Vulcano in Islanda  blocca i voli aerei dall’Oriente.

“Sette giorni, in tutto”, racconta, “trascorsi tra cantine e degustazioni, mi hanno fatto capire che l’arte millenaria della bevanda simbolo del Sol Levante è la chiave di lettura della cultura e dell’arte del Giappone”.

“Mi si è aperto un mondo”, aggiunge Massarotto, “tanto che di ritorno in Italia ho dato vita all”Associazione culturale del sake”. Da lì è cominciata una nuova vita : moglie giapponese, corsi di sakè, scambi culturali, viaggi su misura dall’ Europa al Giappone e viceversa. (www.nipponconcierge.com).

Izakaya a Tokyo-gettyimages

Il sake nasce con le prime coltivazioni di riso. Risale al tempo della fondazione del Giappone, 2500 anni fa, è legato al combattimento, alle divinità e all’imperatore.

Infondeva coraggio nei Samurai, sprezzanti della morte, prima della battaglia. Le geishe, ancora oggi, lo servono agli ospiti seguendo un antichissimo rituale.

Come un fil rouge il sake corre lungo la storia e le tradizioni millenarie del paese tanto da avere il valore di un rito sacro. E’ la bevanda sacra dello scintoismo, la religione animista del Giappone, imperniata sull’agricoltura e i suoi cicli.

Lo si offre nei santuari, ma anche per festeggiare nascite e matrimoni, suggellare un’amicizia, dare il via a un nuovo business, ma , soprattutto, per comunicare senza formalità.

Geisha con il sake

La storia del Sake mi fa riflettere sul paese del Sol Levante. Le tradizioni continuano a vivere, inglobando la modernità. Non per niente il Giappone guarda l’Occidente.

 

Ancora oggi la produzione è spesso un business familiare. Sparse tra i monti, dove l’acqua è più pura, o nelle campagne si scoprono piccole cantine (kura) in luoghi pieni di storia e di atmosfera. Come a Hida Furukawa, uno dei territori più ricchi di storia e tradizioni dell’intero Giappone, circondata dalle vette delle Alpi giapponesi, o a Takayama, una delle città più belle e tipiche del paese. A Kyoto, la capitale imperiale per millenni, famosa per la sua ricercata cultura e gastronomia, a pochi minuti dal tempio Fushimi Inari Taisha, uno dei più famosi del paese, si trova la seicentesca cantina Gekkeikan. Eccellente il loro sakè, lo Horin Junmai Daiginjo, prodotto con acqua di sorgente, due diversi tipi di riso, e fruttato con sentori di melone e caprifoglio, con retrogusto ecc…

Tokyo, la capitale, incoronata dalla guida Michelin 2021, non solo al top della gastronomia, ma luogo in cui si creano i trend globali, la città sempre proiettata nel futuro, come sta a Sake? Anche qui, dove le tradizioni secolari convivono con la tecnologia più all’avanguardia, il sakè si beve ovunque: nei ristoranti stellati e nelle Izakaya, letteralmente “negozio di sake dove ci si siede”, piccole osterie dall’ottimo cibo locale .

Tazzine per il sake

 

Oggi, le izakaya stanno spuntando un po’ dappertutto in giro per l’Italia. A Milano un’intera palazzina a China Town, in via Canonica angolo via Alfieri, ospita il nuovo colosso Ronin houseofronin.ittre ristoranti giapponesi al top e un’izakaya a piano terra, oltre a bar e altri intrattenimenti. Presto non si parlerà d’altro, dicono gli esperti.

Degustazione di sake

Sempre a Milano, Lorenzo Genitori, appassionato di Giappone e della sua filosofia, socio e gestore del bistrot Il Vinodromo www.ilvinodromo.it in via Salasco 21, dove si beve e si pranza in un’atmosfera informale, oltre ad avere una cantina di vini eccezionali, organizza serate all’insegna degli abbinamenti con il sake. “Ottimo”, spiega,”con il prosciutto crudo, il grana, le vongole e anche il tartufo”.

Sempre più stupefatta provo lo spriz al sake con aggiunta di Campari soda e acqua minerale: ottimo ve lo consiglio.

Il mio prossimo passo? Partire per il Giappone: il sake mi ha fatto sognare.

Tokyo Shinjuku

 

8 Responses to Sai che buono questo sake!
  1. Comment *brava Silvana sempre interessante e illuminante il tuo excursus su usi e tradizioni a noi lontanissime .
    Ci fai partecipi delle tue curiosità e scoperte.
    Essendo anch’io curiosa mi sono precipitata a leggere il tuo articolo
    Bravissima , coinvolgente come sempre
    Gabriella

  2. Comment *
    Articolo molto interessante che unisce le caratteristiche del sake ai racconti mitici della sua scoperta e alle informazioni attuali sui luoghi di consumo della bevanda che favorisce anche la socializzazione ormai non solo in Giappone ma pure da noi, per le persone amanti o interessate all’Asia.

  3. Comment Molto bello e interessante, grosse curiosità su un prodotto Giapponese tenuto un po’ in disparte e che si beve in piccoli bicchierini dopo averlo scaldato sul fuoco.
    Lo bevo anche io che sono astemia.

  4. Comment *Il Giappone, paese lontano e affascinante che conosciamo spesso da luoghi comuni, letture e film. Cominciando dal sake che ci hai fatto conoscere con il tuo articolo e che speriamo di assaggiare magari direttamente sul posto. Stavo partendo per il Giappone a marzo 2020 ..chissà se è possibile riprogrammare questo viaggio? Col tuo articolo mi hai fatto tornare la voglia di partire. Grazie!


[top]

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *