E’ arrivato in libreria un libro racconta le storie e le ricette delle Confraternite enogastronomiche italiane, un  interessante sistema che porta avanti con passione la cura per la conservazione delle meraviglie golose di un territorio straordinario

La parola confraternita ha un suono un po’ misterioso, fa pensare ad antiche sette che cospiravano nell’ombra. Un mondo che nell’immaginario comune è fatto di mantelli, riti e ricette segrete ma che in realtà va ben oltre la suggestiva coreografia e, nel settore enogastronomico, è invece costituito da una solida tradizione e una vera conoscenza del territorio e della pratica culinaria. 

Sì, perché in Italia sono numerose le associazioni che si preoccupano di salvare e far conoscere agli appassionati questi tesori segreti. Per valorizzare questo mondo è uscito per Nomos Editore un delizioso volume a cura di Edoardo Toia, membro attivo di una di queste confraternite e impegnato nel far conoscere e mantenere attiva la tradizione. 

 

Il libro esplora e racconta l’affascinante mondo delle Confraternite Enogastronomiche italiane: un piccolo scrigno di ingredienti e specialità da tutta Italia proposti in cinquanta ricette della tradizione, ma è anche un viaggio nei territori che le custodiscono, raccontati per la prima volta in un volume realizzato in collaborazione proprio con i circoli e con F.i.c.e. (Federazione italiana circoli enogastronomici), la federazione che li organizza, un organismo senza scopo di lucro che ha come scopo primario la cultura e la tutela della tradizione italiana del cibo. 

Dalla Confraternita del Gorgonzola di Cameri a quella del Bollito Misto, dall’Ordine dei Cavalieri della Polenta al Priorato delle Antiche Contrade di Torres, fra mantelli, paludamenti, giuramenti di fedeltà, riti e prove da superare per diventare confratello, e fra gran priori, gran casari, maestri e semplici invitati, ogni confraternita ha stilato statuti, depositato le ricette originali per tutelarle e protetto, mantenendola viva, un’eccellenza della propria comunità.
Qui starete benissimo – Ricette e storie delle Confraternite enogastronomiche italiane. A cura di Edoardo Toia, Nomos Editore, a € 19,90

Ecco dalla Confraternita dell’Amarone la ricetta della guancia di manzo brasata e poi un delizioso risotto al radicchio di Treviso, che si prepara sempre con il pregiatissimo vino del territorio veronese.

Guancia di manzo brasata all’Amarone

Risotto all’Amarone con radicchio rosso di Treviso

Lasciaci un tuo commento! Buona lettura!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: