A volte tutto ciò di cui abbiamo bisogno riusciamo a scovarlo nelle cose “semplici”.

In questo articolo troverete:

  • Consigli su luoghi e aree picnic per grandi e per bambini/ragazzi
  • Ricette sane, trasportabili e veloci
  • Proprietà di alcuni alimenti

Nulla al mondo riesce a farmi sentire libera e serena, ma allo stesso tempo anche intimamente a contatto con me stessa, come lo stare in mezzo alla Natura. Alla fine diciamolo, così com’è vero che siamo esseri umani pensanti e complicati, bisognosi di socializzazione e gratificazione, altrettanto vero è che siamo evoluti dagli animali, e gli animali non sono fatti per stare rinchiusi in 4 mura; ma per vivere nella Natura.

E la prova l’abbiamo sotto agli occhi ogni qualvolta abbiamo la fortuna di immergerci in essa, perché ci rigenera, ci rende forti, felici e pieni. Ed ogni volta che ci regaliamo questi momenti, torniamo a casa ricchi di emozioni e immagini che si stampano nella nostra memoria e nell’anima.

Per questo cerco il più possibile un giusto equilibrio tra le due “situazioni”.

 

Perciò quale periodo migliore se non quello della primavera, del risveglio della Natura, e delle vacanze di Pasqua per concedersi dei meritati e salutari picnic immersi nel verde, sul bordo di un fiume, piuttosto che sulla cima di un monte o su una spiaggia ancora poco affollata?!

Ovviamente il contesto dev’essere adornato dalla buona compagnia, perché esso è di suo un momento gioviale. Ci mancherebbe, un pranzo da soli a contemplare l’orizzonte è altrettanto appagante, ma esso non potrà mai essere chiamato picnic!

Quindi scegliamo la giusta compagnia, armiamo il nostro cestino e partiamo!

 

Ora voglio svelarvi il mio posto del cuore, quello che mi salta immediatamente alla mente se penso ad un luogo dove andare a fare un picnic, quel luogo dove ho passato i primi anni della mia vita, fino all’adolescenza:

– Chiesa in Valmalenco (Valtellina)

Mi rendo conto non sia vicino (da Milano circa 2 ½), ma ne vale davvero la pena, in quanto la sveglia dovrà suonare presto! Per arrivarci bisogna parcheggiare al:

Rifugio Barchi

http://www.sondrioevalmalenco.it/04_ospitalita/07_rifugi/barchi.html

Vi consiglio vivamente di fermarvi qui, con la mia famiglia e gli amici facevamo sempre sosta, sia d’inverno per sciare che d’estate per mangiare, bere qualcosa o cercare frutti di bosco o funghi porcini tutto lì intorno, per poi incamminarci in su, verso il Lago Palù.

Una volta parcheggiato e fatto sosta al Rifugio Barchi vi aspetterà una stupenda passeggiata nei boschi, quelli veri, fino a quando (dopo 30/40 minuti circa), piano piano, incomincerete ad intravedere il Lago Palù, questo splendido lago di alta montagna circondato da alberi e silenzio.

Altro luogo ideale nel quale troverete stupendi prati ed aree picnic, oltre a rocce dove arrampicare, parchi giochi, ristoro, e un parco avventura che è davvero un parco AVVENTURA (io l’ho provato: divertimento e “strizza” sono assicurati) è il seguente:

Ma ora passiamo al sodo, di seguito delle ricette sane e comodamente trasportabili!

 

Polpettine (o falafel) di ceci:

Ingredienti: (per 6 persone circa)

-150 g di ceci cotti

-150 g di fagioli azuki rossi (se non li trovate vanno bene i cannellini)

-200 g di miglio (o quinoa o amaranto)

-300 g di acqua

-2 carote, 2 zucchine, 1 porro (o 1 cipolla), una manciata di prezzemolo

-sale e pepe, pangrattato o farina di riso (o altro)

Svolgimento: Cuocere il miglio (o il cereale scelto), poi scolate e fate raffreddare – frullate i ceci e gli altri legumi scelti nel frullatore – tagliate a dadini piccoli le verdure (se volete sminuzzateli con il frullatore) e scottateli in una padella con un filo d’olio EVO e salate. Unite in una ciotola il miglio, le verdure scottate, salate e pepate e lasciate riposare l’impasto nel frigorifero per ½ circa. Se l’impasto risulta essere troppo liquido o denso, aggiustatelo di conseguenza, insomma andate un po’ ad occhio! Ora prendete l’impasto e formate delle polpettine che poi passerete nel pangrattato o nella farina scelta. Stendete le polpette sulla leccarda del forno, fate cuocere le polpette, girandole ogni tanto, per 20 min.c/a

Parliamo del Miglio: è un cereale tra i meno acidi per il corpo, è composto da carboidrati, contiene anche proteine di alto valore, superiori (con la quinoa) rispetto ad altri cereali. Altamente digeribile e ricco di cheratina, amica dei capelli, delle unghie, della pelle e dei denti. Per questo motivo io lo consiglio sempre quando ci sono debolezze sul quel fronte.

Parliamo dei fagioli azuki: contengono minerali, potassio e zinco. Poveri di grassi ma ricchi di fibre (ma non danno fastidio alla pancia come altri legumi). Inoltre hanno un elevato contenuto di acido folico e vitamine B. Sono un potentissimo alleato dei reni e contengono isoflavoni, fitoestrogeni amici di ossa, cervello, e sistema immunitario ed ormoni.

Insalata di Orzo:

Ingredienti:

-200 g di Orzo perlato

-4 carote – 2 zucchine – un bicchiere e mezzo di pomodorini – capperi ed olive – basilico e sale

Svolgimento: Cuocere l’orzo come da indicazione, scolarlo e metterlo in una ciotola con un filo di olio EVO, mescolare e raffreddare. Intanto che l’orzo cuoce, tagliate le verdure e i pomodorini, fate saltare le verdure con un goccio di olio fino a farle diventare croccanti MA non scotte. Unite le verdure, i pomodorini, i capperi e le olive e mescolate. Aggiungete basilico fresco e salate se serve. Se volete in questa ricetta potete aggiungere anche dei fagioli cannellini.

Parliamo dell’orzo: ricco di betaglucano utile a rallentare dei carboidrati, viene utilizzano anche per abbassare il colesterolo (ed anche la glicemia in quanto rallenta l’assorbimento dei carboidrati). Inoltre lo consiglio nelle mie terapie alimentari per “sfiammare” l’intestino irritato e come spazzino, in quanto è ricco di mucillaggini. Ricco anche di vitamine e sali minerali.

Hummus di Ceci con pinzimonio:

Ingredienti:

-verdure per pinzimonio (carote, sedano, finocchi, altre di stagione)

-500 g di ceci lessati

-1 spicchio di aglio (se piace)

-2 cucchiai di Tahina (crema di sesamo frullato) – se la avete, altrimenti non è indispensabile

-1 limone spremuto – prezzemolo tritato – sale q.b – olio EVO – acqua se serve

Svolgimento: frullate insieme tutti gli ingredienti fino ad ottenere la consistenza desiderata aggiungendo più o meno acqua e/o olio. Gustare con le verdure in pinzimonio o del pane Azimo.

Spiedini di frutta ripassati nella granella di frutta secca

Ingredienti:

-frutta di stagione

-granella di noci/mandorle/nocciole o semi di sesamo

Svolgimento: tagliare a pezzetti piuttosto grossi la frutta di stagione, infilzarla nello spiedino e ripassarla nella granella di frutta secchi o nei semi di sesamo

Come sempre se volete avere altre info o approfondimenti non esitate a contattarmi. Buon picnic!

 

 

 

 

 

 

 

Lasciaci un tuo commento! Buona lettura!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: