L’appuntamento di tendenza è nell’atelier di Ivo e Benedetta Poli, in via Garibaldi 104, a due passi dal Duomo in marmo bianco nella piazza di Pietrasanta, antica cittadina versiliese, prediletta da artisti di ogni parte del mondo. Ivo e Benedetta non lavorano il marmo o il bronzo e neppure dipingono, la loro creatività si esprime nella ceramica. Il luogo è fascinoso, pieno di colori, di oggetti originali, di idee per la casa di campagna, ma anche di città.

Benedetta Pelizzi Poli all’opera

Il pesce di Benedetta

L’atelier è una tappa d’obbligo a Pietrasanta.

Capito qui spesso. Mi piace curiosare nel giardino e nel laboratorio alla scoperta dei nuovi oggetti creati da Benedetta e Ivo. Qua e là, fanno capolino gessi di artisti famosi, come Igor Mitoraj. Ivo realizza forme e stampi su disegno di artisti, tra cui Nello Finotti e la simpaticissima Maria Gamundi.

Intorno all’atelier

Il gatto assiste

Fiore di loto

 

 

Lo definirei uno degli ultimi paradisi di Pietrasanta. Quasi una filosofia di vita, oltre che un atelier dove si lavora sodo. Non per niente in estate i corsi di ceramica di Ivo e Benedetta sono frequentati da intellettuali, come il parigino David Cohen, direttore di neuropsichiatria alla Salpétrière, o Albi Pessani, ex manager, oggi artista. L’ultima arrivata è l’inglese Anne Skellington, docente universitaria di zoologia, che adora plasmare l’argilla, creando gatti di ogni razza, colore e personalità. Ivo spiega i segreti del mestiere, perché i soggetti citati non si accontentano di eseguire oggetti in ceramica, ma ambiscono a preparare mostre di successo.

Ivo Poli al lavoro

Il bello dell’atelier è che si è accolti come amici da Ivo e Benedetta. Dopo la visita, viene voglia di scoprire la casa dietro “la bottega”. Anche questa esprime la loro filosofia di vita: dalle sculture in terra cotta, al gatto sul letto, ai mobili vissuti, ai quadri alle pareti, al bagno home made, alle lampade, al grande tavolo destinato al pranzo con gli amici, tutto rivela la loro affettuosa autenticità e la passione per il lavoro.

Benedetta e le sue collane

Dimenticavo un particolare di non poco conto. Benedetta, di antica famiglia versiliese, ama cimentarsi ai fornelli e la sua focaccia con la finocchiona è ormai un mito!

Pappagalli

Zucca porta posate

Benedetta al lavoro

 

Quanto a me, trovo sempre qualcosa di nuovo a cui appassionarmi. Si va dai fiori in ceramica, presenti anche al Bagno di Bocelli, l’Alpe Mare al Forte, alle foglie di loto con appoggiata una ranocchia o una tenera libellula, deliziose in un giardino, ma anche sulla tavola da pranzo, come ciotole per insalata o frutta. Tra le ultime novità, i pesci allegri e le testine di Benedetta Pellizzi, i grandi vasi di Ivo Poli, destinati a una boutique di Capri. Non riesco mai a lasciare il laboratorio dei Poli senza un fermacarte con qualche animaletto (la salamandra è il più bello, a parer mio) o una delle originali e “donanti” collane in ceramica di Benedetta. L’anno scorso mi sono innamorata della testa in ceramica di un aviatore  anni ’30. L’ho regalata al mio primo nipote Nicolò, come augurio di un buon volo per il suo ingresso all’Università. Forse mi sono illusa. Chissà se un giovane di oggi accoglie il messaggio….

Per info: Ceramiche Poli, Pietrasanta, tel. 3927483614, www.ceramichepoli.com

L’aviatore di Nicolò

 

 

5 Responses to Dai ceramisti Ivo e Benedetta Poli, uno degli ultimi paradisi a Pietrasanta
  1. Bellissimo articolo su Benedetta e Ivo- che sono amici miei da molti anni!
    Sono veri artisti appassionati del mestiere. La loro bottega e’ un oasi di colore e creatività.

  2. Ciao Silvana bello l’articolo L’ho letto con vera passione e interesse spero che questo breve commento ti arrivi, anche la
    Mia collana è opera dei tuoi amici di Pietrasanta e mi è molto cara. Gabriella

  3. Certo Gabri. Quando siamo a Pietrasanta li andiamo a trovare

  4. Belle ceramiche e che personaggi!


[top]

Lasciaci un tuo commento! Buona lettura!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: